Come sostenere una conversazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Quando pensi a una conversazione, probabilmente pensi che siano solo due persone che parlano tra loro.

Una conversazione è più di questo. Una conversazione è la sincronizzazione delle realtà di due persone per creare una comprensione condivisa tra loro.

Una buona conversazione ti permette di saltare nella realtà dell’altra persona, vedere le cose dalla sua prospettiva e sviluppare un senso di empatia che ti permette di ampliare la tua comprensione di come funziona il mondo.

Questo crea un rapporto più profondo e gratificante.

Conversare è una specie di gioco di ruolo dove ogni parte cambia ruolo tra l’ascolto ed il parlato.

L’obiettivo del gioco è quello di ampliare il canale di comunicazione tra le due parti.

Il canale di comunicazione è la gamma implicitamente concordata di argomenti accettabili per una conversazione.

Crescendo questo canale di comunicazione, la profondità e l’impatto della conversazione cresce, portando a maggiori informazioni scambiate tra le parti.

Una buona conversazione è un modo per condividere informazioni, esprimere i nostri sentimenti, imparare dagli altri, consolidare i legami personali, fornirci la spinta energetica necessaria e, soprattutto, darci un modo per cristallizzare il nostro pensiero.

Osservando le scansioni fMRI di due persone impegnate in una conversazione è possibile osservare che le loro onde cerebrali iniziano a sincronizzarsi man mano che entrambe le parti sviluppano una migliore comprensione reciproca, nota come accoppiamento neurale.

E’ quasi come se due cervelli diventano uno solo.

A causa della tecnologia, siamo più connessi è vero ma la maggior parte di queste connessioni sono “tribali”. Troviamo le nostre tribù, filtriamo le persone con cui non vogliamo parlare e ci rinchiudiamo in camere stagne.

Abbiamo dimenticato come connetterci con gli altri al di fuori della nostra zona di comfort.

Abbiamo imparato ad inveire ed urlare l’un l’altro, ma non sappiamo come parlare con gli estranei o qualcuno che non è d’accordo con noi.

Abbiamo bisogno di conversazioni profonde, non superficiali.

Ci impegniamo prevalentemente in conversazioni poco profonde che si concentrano su piccole chiacchiere o gossip superficiali.

Ogni volta che incontri qualcuno, hai un’occasione speciale per avere una conversazione profonda con quella persona: per sapere cosa pensa, come le sue esperienze uniche influenzano la sua realtà e, se stai ascoltando attivamente, cosa puoi fare per costruire un legame più forte.

Ma la maggior parte delle volte non ascoltiamo l’altra parte, quindi le nostre conversazioni sono incentrate su noi stessi. Purtroppo, questo diventa un evento in cui le persone parlano tra di loro, ma non si connettono mai veramente.

Come spunto di riflessione prima di passare al prossimo capitolo dovresti prenderti il tempo di riflettere sulle tue conversazioni precedenti.

Pensa all’ultima buona conversazione che hai avuto. Cosa l’ha resa buona? Con chi era? Dove ha avuto luogo? Quali emozioni hai provato durante la conversazione?

Le stesse domande falle per una brutta conversazione. Magari segnati le risposte, ti serviranno come confronto più avanti.

La cassetta degli attrezzi dell’ascoltatore

Per diventare un bravo oratore bisogna saper ascoltare. Ho già affrontato questo argomento in un altro mio articolo sull’ascolto attivo.

Abbiamo un bisogno interiore di essere ascoltati. Se aiuti gli altri a placare la loro sete di essere ascoltati convalidando i loro pensieri, si sentiranno meglio con se stessi e vorranno saperne di più su di te.

Se non ascolti correttamente, non ti collegherai mai con la persona perché non avrai una comprensione completa di ciò che è importante per quella persona.

Senza la convalida di essere compreso, la persona non sarà in grado di ascoltarti perché è troppo preoccupata dei propri sentimenti.

Concentrati su di loro: mantieni la conversazione sull’altra persona. È molto facile dirottare la conversazione e iniziare a parlare di te stesso.

Il tuo obiettivo è quello di conoscere i loro obiettivi e ciò che è importante per loro.

Ecco alcune domande da porti che ti possono aiutare ad ascoltare attivamente.

  • Cosa stanno cercando di realizzare?
  • Cosa li spinge a raggiungere determinati obiettivi?
  • Con cosa stanno lottando?
  • Cosa potete fare per aiutarli a raggiungere i loro obiettivi?
  • Avete ripetuto loro ciò che vi hanno detto?
  • Cosa si può imparare da questa conversazione?

Per entrare in contatto con le persone, devi capire da dove vengono.

Le persone ti forniscono queste informazioni quando indicano ciò che stanno cercando di realizzare nella vita. Se si lamentano di una certa cosa, di solito il contrario di quella cosa è ciò che apprezzano. Per esempio, se la persona si lamenta che qualcun altro è troppo loquace, è probabile che la persona apprezzi la pace e la tranquillità.

Per migliorare la comunicazione è necessario porre domande a risposta aperta, ad esempio: “Come è stata la tua giornata di lavoro?”. Invece di “Tutto bene al lavoro oggi?”.

Ricordati che non sei onnisciente e che l’oratore avrà un punto di vista diverso sugli eventi mondiali. Fermo restando che tu sappia cosa diranno, ascolterai di più e svilupperai una comprensione più completa dell’argomento in questione.

Ascolta come un detective: immagina che un’altra persona dipendeva da te per condividere le informazioni su ciò che hai imparato dalla conversazione.

Domande a cui pensare:

  • cosa ho imparato da questa conversazione?
  • perché questa conversazione è importante?
  • hai delle lacune nella comprensione della conversazione? Se sì, fai altre domande.
  • se dovessi condividere questa conversazione con qualcun altro, come la riassumeresti?

Se pensi di avere una solida conoscenza della conversazione finora, prova a riassumere la conversazione con la persona e vedi se è d’accordo.

Idealmente, il tuo riassunto è molto più breve della loro versione, ma mette in relazione l’idea di base.

A volte, ci sarà una pausa nella conversazione. Va bene; se non hai niente da dire, rilassati. Come dice il proverbio: “Meglio rimanere in silenzio ed essere considerati stupidi che parlare e rimuovere ogni dubbio”. Queste pause danno all’oratore il tempo di completare i suoi pensieri.

Non bombardare la persona con un milione di domande. Una volta che fai la tua domanda, lascia che la persona risponda pienamente.

E se non avete tempo di ascoltare?

Se non riesci a concentrarti su una conversazione, fallo sapere alla persona in anticipo. Puoi dire: “Sarebbe possibile parlare più tardi? Quello che hai da dire è davvero importante e voglio dargli la mia completa attenzione”.

"Amo ascoltare. Ho imparato un gran numero di cose ascoltando attentamente. Molte persone non ascoltano mai.“

Vuoi imparare di più? Smetti di seguire le notizie

Quante volte hai iniziato una conversazione e prima che l’altra persona avesse finito di parlare, hai smesso di ascoltare perché hai pensato di sapere cosa avrebbero detto?

La maggior parte di noi sta parlando delle stesse storie di politica che abbiamo letto la mattina.

Invece di investire il nostro tempo in qualcosa che può migliorare la nostra vita, ci concentriamo sulla lettura di nuove storie che possono deprimerci o cose su cui abbiamo poco o nessun controllo.

Se si guardano le quattro principali fonti di notizie che gli italiani leggono, queste pubblicazioni producono circa 1.200 articoli al giorno. Diciamo che il numero medio di parole per storia è di circa 500 parole. Supponendo che tu legga dieci storie nel corso di 365 giorni, che equivale a 1.850.000 parole. Diciamo che il libro medio è di 200 pagine con 250 parole per pagina; sarebbero 50.000 parole. Si prende questa quantità e la si divide in 1.850.000, e si ottengono circa 37 libri. Leggi l’equivalente di 37 libri all’anno in notizie.

Ma quante di queste storie sono un rimaneggiamento di altre storie? Quante di queste informazioni sono imprecise? Quante di queste informazioni non ti riguardano, o sono pura speculazione? Quante di queste storie ti dicono quello che vuoi sentire?

Se vai su Wikipedia e leggi un riassunto di ciò che è successo in Italia nel 2017, sono solo circa 8.000 parole, o il 15% di un libro. Questo cosa ci fa capire? La maggior parte delle notizie è una perdita di tempo.

Che ne dici di leggere libri che alimentano il tuo spirito (come vedi il mondo e come ti relazioni con esso), la tua mente e la tua carriera (come creare valore in questo mondo)?

Quanto sarebbe migliore la tua vita se tu potessi leggere più di 30 libri all’anno?

Cosa guadagni leggendo di più?

Svilupperai una maggiore capacità di ascolto. Quando parli con le persone, non sarai in grado di completare le loro frasi perché non sai nulla o poco dell’evento attuale di cui ti parlano. Sarai costretto ad ascoltare attentamente. Ciò che è interessante nel diminuire la quantità di notizie che leggi è che ti ritroverai ad ascoltare le persone più spesso.

Risparmierai tempo. Se credi che le notizie quotidiane sono veramente importanti, i tuoi contatti ti forniranno la versione breve della storia. Se desideri fare ricerche più approfondite, puoi porre loro ulteriori domande.

Sarai più felice. Secondo la ricerca dell’American Psychological Association, di coloro che seguono regolarmente le notizie, il 56% dice che così facendo li porta ad essere più stressati e il 72% ritiene che i media gonfino le notizie a dismisura. Non sarai bombardato da notizie deprimenti che non puoi controllare. Puoi concentrarti sul tuo lavoro e diventare una persona migliore per fare del bene nel mondo.

Inoltre sarai in grado di pensare in modo più chiaro e lavorare sui tuoi progetti.

Ovviamente non dico di estraniarsi completamente e diventare un monaco tibetano ma la prossima volta che leggi il titolo di una qualsiasi news valuta se è il caso di leggerla oppure investire quel tempo in una lettura che ti migliori.

Ganci per aprire una conversazione

Molto tempo viene speso per cercare di capire la cosa perfetta da dire per iniziare una conversazione.

È possibile trovare numerosi libri e classi su quali domande memorizzare per iniziare una conversazione. Tutto il tempo trascorso a memorizzare le aperture è uno spreco. Quando si utilizzano questi apriscatole, sarai percepito come “fake” (usando un termine di uso comune oggi).

A peggiorare le cose, non si sa cosa dire dopo l’apertura della conversazione.

Ogni conversazione è unica e non c’è un libro di regole su come iniziarla. È necessario capire chi è la persona, dove siete entrambi, cosa potrebbe accadere intorno a voi nella vostra conversazione. Ma se non sapete nulla della persona, da dove iniziate?

Che ti piaccia o no, la gente ti percepisce in base alle tue azioni e a ciò che indossi. Quello che indossi invia segnali alle persone come ti senti, cosa ti interessa e quanto ti prendi sul serio. Le tue azioni indicano ciò che è importante per te e ciò che stai cercando di ottenere.

Un buon gancio per iniziare una conversazione può essere qualsiasi oggetto o azione che ti fornisce un leggero racconto sulla persona, che rende più facile iniziare una conversazione.

Esempi di ganci:

  • una maglietta o un maglione con la tua band preferita.
  • il tuo cellulare con una custodia decorativa di Star Wars.
  • il libro o la rivista che hai portato in caffetteria.

I ganci servono come indicatori per indicare agli altri ciò che ti interessa, rendendo più facile iniziare una conversazione. Mostrando i tuoi interessi ti rendi più accessibile.

Il gancio di conversazione fornisce la necessaria comunanza che permette alla conversazione di avere luogo.

I ganci da conversazione non solo rappresentano ciò che ti piace, ma indicano anche a quale tribù (gruppo) appartieni. Che ti piaccia o no, siamo una specie molto tribale.

Guardiamo con favore a coloro che fanno parte della nostra tribù e siamo più disposti a collaborare con i nostri simili piuttosto che con altri.

Se qualcuno indica di far parte della tua tribù, significa:

  • siete inclini ad apprezzare la persona perché siete simili.
  • avete un interesse comune di cui potete parlare.
  • ora avete un canale di comunicazione per avviare la conversazione.

“Ciò che l'informazione consuma è piuttosto ovvio: consuma l'attenzione dei suoi destinatari. Di conseguenza, la ricchezza di informazioni crea una povertà di attenzione.”

Piacere, ridere, imparare e apprezzare

Una volta che siamo dentro una conversazione, cosa diciamo?

Non appena la nostra conversazione è finita, quella persona prenderà ciò che ha imparato dalla conversazione e lo condividerà in tutta la sua rete.

Tuttavia, l’informazione non è l’unica cosa che viene condivisa. Il modo in cui fai sentire gli altri si diffonde anche attraverso la loro rete, noto come Contagio Emotivo.

Alla fine non si parla solo con la persona di fronte a te. Parli con i loro amici, la famiglia, i colleghi, i soci del club e una serie di altri gruppi di cui sono membri. Il modo in cui fai sentire quella persona detta i sentimenti degli altri membri della loro rete.

Secondo il libro Connected, una persona ha il 15% di probabilità in più di essere felice se è collegata ad una persona felice. La diffusione della felicità funziona per due gradi di separazione. Se un amico di un amico è felice, è più probabile che tu sia felice del 10% in più.

Cosa significa questo per un conversatore?

Il tuo obiettivo è, per lo meno, evitare di trasmettere vibrazioni negative nelle tue conversazioni e, al massimo, far sentire bene le persone.

Questo non significa che tu diventi una persona perennemente positiva che evita a tutti i costi i conflitti. Ma significa che nei pochi minuti che hai con una persona, dovresti condividere qualcosa che avrà un impatto positivo sulla sua vita.

Quindi, come lo si fa?

Quando ti impegni con qualcuno, considera la possibilità di condividere le cose che ti piacciono, che hai imparato o che ti hanno fatto ridere. Questo è un ottimo modo per rompere il ghiaccio in una conversazione.

Piace: condividi una recente esperienza positiva con l’altra persona. Hai visto di recente un buon film? Hai letto un buon libro? Hai mangiato bene in un ristorante?

Ridi: pensa a qualcosa che ti ha fatto ridere di recente. Hai sentito una barzelletta nuova? Ti è successo qualcosa di divertente negli ultimi giorni?

Impara: se hai imparato qualcosa che ti ha aiutato a crescere, condividilo. Hai imparato qualcosa da un libro? Hai sperimentato qualcosa che ti ha dato qualche cosa di utile?

Apprezza: simile al “Mi piace”, ma questo merita una sezione a parte perché la gente muore di fame per un sincero apprezzamento. Sono stati promossi di recente? Hanno lavorato duramente su un progetto? Siamo affamati di apprezzamento e la gente ha bisogno di sentire che ha un impatto in questo mondo.

La maggior parte delle persone non pensa in questi termini. Interagiscono con gli altri, e invece di riempirli di gioia, esaltano la negatività.

Se riesci a ricordare, “piace, ridi, impara e apprezza”, le persone si sentiranno benissimo ogni volta che parlano con te, il che significa che torneranno per avere ancora un’altra conversazione conte te.

Come approfondire le relazioni per conversazioni più ricche

Le nostre relazioni hanno una serie di norme conversazionali che sono ritenute appropriate in base al livello di profondità della relazione stessa.

Il livello di profondità varia da sconosciuto, familiare, intimo e significativo. I livelli sono impilati l’uno sull’altro come una piramide.

Al fine di raggiungere la parte superiore della piramide, è necessario dare ad ogni strato di supporto il tempo di “maturazione” in modo che possa sostenere il peso del livello successivo.

Ogni persona che conosci richiede un investimento di tempo se vuoi aumentare la profondità della relazione.

I quattro livelli di profondità di una relazione:

  • non familiare (livello di fiducia: inesistente). Uno sconosciuto, forse qualcuno di cui hai letto, visto in ufficio o sentito parlare da amici. Si concentra principalmente su fatti e piccoli discorsi di lavoro, sport.

La maggior parte delle conversazioni regolari con sconosciuti, conoscenti o colleghi rientrano in questa categoria.

Esempio di conversazione:

– come va?

– come va il tuo lavoro?

– Fare qualcosa di divertente questo fine settimana?

– Avete letto o visto qualcosa di buono di recente?

  • Familiare (livello di fiducia: basso). Un conoscente con cui hai parlato un paio di volte. Le conversazioni si sono probabilmente fermate alle chiacchiere. Si concentra su sentimenti, obiettivi e credenze non polarizzanti.

Qui possiamo cercare consigli per le cose che stai cercando di fare. Parlare di hobby e progetti collaterali. Di solito, si hanno queste conversazioni con amici occasionali.

Esempi di conversazione:

– Come vanno le cose con il progetto a cui stavi lavorando?

– Ho sentito che stavi completando la licenza di pilota, come sta andando?

  • Intimo (livello di fiducia: medio). Hai incontrato questa persona più volte o hai lavorato con lei. Condividete informazioni l’uno con l’altro e siete disposti ad aiutarvi a vicenda. La tua fiducia ha dei limiti, ma ti senti a tuo agio ad essere sincero su alcune cose.

Esempi di antipasti di conversazione:

– L’ultima volta che abbiamo parlato, mi hai detto che avevi un problema con X. È stato risolto? Posso fare qualcosa per aiutarti?

– Sto pensando di [comprare o fare qualcosa], hai qualche consiglio?

Significativo (livello di fiducia: alto). Parliamo della nostra visione del futuro, delle nostre convinzioni fondamentali e delle nostre vulnerabilità. Hai costruito abbastanza fiducia. Si può parlare di piccole sfide della vita (problemi sul lavoro, relazioni, ecc.), teorie sulla vita e su come vivere meglio. A questo livello si apprende cosa guida quella persona e cosa sta cercando di raggiungere. Di solito si hanno queste conversazioni con gli amici più cari.

Esempi di antipasti di conversazione:

– In base a quello che mi hai detto, ho notato che hai avuto problemi con [lavoro, relazioni, relazioni, ecc.] Possiamo parlarne di più? [Se dicono di sì e chiedono aiuto:] Ho alcune cose che hanno funzionato per me. Va bene se le condivido con te?

– Cosa pensi di Mario? Ho un problema con lui e ho bisogno del tuo consiglio su come risolvere il problema.

– Sto pensando di fare una grande carriera e voglio sapere se hai qualche consiglio per me?

Al fine di aumentare le probabilità di raggiungere la cima della piramide, è necessario sviluppare la fiducia, che si crea attraverso la familiarità, l’onestà e l’integrità.

  • Familiarità: quante volte contatti questa persona? Questa persona ti vede regolarmente? Ti prendi del tempo per incontrare questa persona regolarmente? Stai dimostrando che trovi valore nella relazione.
  • Onestà: sei aperto a questa persona? Hai bisogno di condividere qualcosa di te stesso per dimostrare che sei disposto ad aprirti. Se vede che sei sincero, è probabile che si apre anche a te.
  • Integrità: questa persona ti ha chiesto di fare qualcosa? La persona ti ha chiesto di tenere un segreto? Devi mantenere questo segreto per dimostrare la tua fedeltà a questa persona.

Ci vuole tempo per sviluppare tutto questo.

Perché le discussioni sono per i perdenti?

La maggior parte delle persone discutono quando i loro valori personali sono in conflitto con quelli di qualcun altro.

Sulla base di una ricerca di Jonathan Haidt, professore di leadership etica alla New York University, siamo geneticamente predisposti a favorire alcuni valori rispetto ad altri.

A causa di questo, siamo più propensi a schierarci con l’intuizione iniziale del nostro cervello ed a trovare il modo di razionalizzare questa intuizione.

I nostri valori ci forniscono una mappa di come vediamo il mondo. Questa mappa ci dice dove le nostre menti possono cercare informazioni, di chi possiamo fidarci e di cosa dovremmo preoccuparci. La cosa più importante è che questa mappa è incompleta.

Come credi che il mondo funzioni + Come qualcun altro crede che il mondo funzioni = Argomento

Sappiamo tutti quando l’altra persona ha torto. Chiaramente i dati che stanno usando provengono da un sito web parziale o da un sito di “fake news”.

Anche se la persona ha ragione, continueremo a discutere perché ciò che è in gioco è la nostra mappa mentale del mondo. Se questa persona fa dei buchi nella nostra mappa, allora cos’altro potrebbe essere sbagliato con la nostra mappa?

Al centro di ogni disaccordo non è solo il soggetto preso in esame, ma anche i valori fondamentali della persona e il modo in cui questi funzionano. In questo modo destabilizzi la persona e così farà tutto il necessario per vincere la discussione.

I confronti vanno bene, ma le discussioni sono una perdita di tempo. Mi spiego meglio.

Anche se le due parole sono dei sinonimi, definisco un confronto come un dibattito basato sui fatti di un argomento dove entrambe le parti hanno un controllo significativo.

I dibattiti vanno bene perché sono razionali che non vanno a sminuire nessuna delle due parti.

Le discussioni sono guidate dalle emozioni su un argomento che entrambe le parti hanno poco o nessun potere su di esso.

Noi discutiamo di decisioni del governo, discutiamo sulla politica estera della nostra nazione anche se non abbiamo un potere diretto e significativo. Diventiamo emotivi e trasformiamo i potenziali amici in nemici perché non vedono le cose come noi.

Più si capisce questo, più ci si rende conto che entrare in discussioni con le persone può essere un’enorme perdita di tempo per i seguenti motivi:

  • la maggior parte delle discussioni riguardano argomenti “usa e getta” che nessuna delle due parti ha effettivamente il controllo su di essi.
  • entrambe le parti discutono di valori. La maggior parte delle volte, le persone non si muovono sui loro valori fondamentali, perché tutta la loro vita è costruita intorno a loro.
  • una discussione fa di più per creare un nemico di cui non hai bisogno, rispetto ad un amico di cui hai bisogno.
  • non si riesce ad ascoltare, con la conseguenza che si perde l’opportunità di imparare cose nuove da quella persona, che può rendere il tutto più completo e più intelligente.

La discussione costruisce un muro tra te e le nuove informazioni, che può causare l’indebolimento della tua comprensione del mondo.

Allora, cosa dovresti fare?

Smettete di discutere e date per scontato che anche questa persona possa avere ragione. E’ bene non essere d’accordo, ma capire che discutere con qualcuno è improduttivo.

Invece passa più tempo ad ascoltare gli altri. Questo ti permetterà di arricchirti intellettualmente.

Invece di discutere con la persona, immagina di vedere le cose a modo loro. Che cosa ti servirebbe per credere a ciò in cui credono? Una volta capito questo, avrai una maggiore comprensione di entrambi i lati di un argomento e sarai in grado di ampliare il canale di comunicazione tra voi due.

Non demonizzare l’altra persona perché non è d’accordo con te. Ogni persona su questo pianeta vuole soprattutto le stesse cose: cibo, casa, famiglia, amici, lavoro, e apprezzamento per il loro contributo in questo mondo.

Sapendo ciò che hai in comune con la persona, concentrati su questo invece di crearti un nemico per un piccolo disaccordo.

Ovviamente si suppone che questa persona sia ben intenzionata e non l’anticristo.

"Tutto il problema della vita è questo: come rompere la propria solitudine, come comunicare con gli altri."

Quando continuare e quando mollare?

Abbiamo parlato di come le conversazioni sono influenzate dal linguaggio del corpo, dall’ambiente e dal canale di comunicazione.

Un aspetto importante che non può essere dimenticato è lo stato sociale e le esigenze di entrambi gli individui.

Lo stato sociale può essere la posizione della persona nella società (CEO, politico, celebrità, ecc.) e i suoi bisogni (finanziari, emotivi, sociali, ecc.).

In ogni conversazione c’è una spinta e tirare tra entrambe le parti su chi determina la struttura della conversazione.

Quando ci si impegna in una conversazione, la parte che ha più alto potere, o meno esigenze, ha un maggiore controllo sulla conversazione.

Non tutti i giochi di potere sono così evidenti come quelli mostrati di seguito, ma se trovi una persona che mostra uno o due di questi tratti, è probabile che tu abbia trovato l’alfa del gruppo.

Vedi se riesci ad individuare i seguenti “giochi di potere” nella prossima conversazione che avrai:

  • interrompe liberamente le persone. L’alfa si preoccupa poco di ciò che gli altri hanno da dire. Se stai cercando di prendere il controllo, l’alfa ti taglierà fuori e porterà la conversazione in un’altra direzione.
  • parla più di altri. L’alfa ama sentirsi parlare. Quando vedi qualcuno tenere l’attenzione del gruppo più a lungo della norma, senza interruzioni, di solito hai a che fare con l’alfa.
  • ha disprezzo per gli altri. Interiormente, l’alfa ha disprezzo per gli altri o qualsiasi cosa che sfida la loro posizione dominante. Proiettano tutto questo respingendo gli altri, usando il sarcasmo, o sorridendo ai commenti degli altri.
  • ignora i tuoi commenti. Quando parli con l’alfa ignorerà quello che dici, indicando che le tue idee non hanno alcun valore.
  • punisce le persone che non sono d’accordo. L’alfa odia qualsiasi sfida percepita alla loro dominanza. Se avvistano uno sfidante, andranno rapidamente a neutralizzare questa minaccia licenziando la persona o tagliandogli l’accesso al gruppo.
  • parla sempre più lentamente e più forte di altri. L’alfa ha il controllo sul canale di comunicazione e non teme che gli altri ne parlino.
  • è il centro dell’attenzione. La conversazione deve essere focalizzata sui bisogni dell’alfa.

Se la conversazione si discosta dalle cose che non interessano all’alfa, rifocalizzerà rapidamente la conversazione sulle sue necessità.

Se la tua intenzione è di cambiare il modo in cui gli alfa pensano di te, non sprecare il tuo tempo. Cercando di ottenere il loro favore, stai agendo su tendenze supplicative che in superficie sembrano valide ma in sostanza sono deboli.

Le tendenze supplicative sono poco appetibili per l’altra parte perché ti fanno apparire inautentico e trasudano sottomissione. Questo ti mette in grado di costruire un rapporto basato sul dominio e sul disprezzo, non sul rispetto e la fiducia reciproci.

E’ meglio concentrarsi sulla ricerca di persone a cui piaci per quello che sei, piuttosto che cercare di convincere le persone a piacerti o cambiare la loro impressione di te.

Le grandi conversazioni sono radicate nell’integrità personale. Se devi mentire a te stesso, al fine di mantenere una conversazione in corso, è il momento di uscirne.

Preparati! Ci saranno conversazioni difficili

​Ti capiteranno situazioni in cui è necessario fornire a qualcuno un feedback che non necessariamente si vuole dare e che potrebbe non voler sentire.

Ma se non lo farai soffrirai per aver evitato il problema. La capacità di sfidare qualcuno ed esprimere la tua buona intenzione si chiama “Apertura radicale”.

Purtroppo, le persone hanno troppa paura di impegnarsi in questa “Apertura radicale” perché se la conversazione va male, si potrebbe rovinare il rapporto.

In primo luogo è necessario insinuare nella mente dell’altra persona che in realtà ti preoccupi di lei/lui e vuoi ciò che è meglio per lei/lui.

Non c’è modo di stabilire rapidamente il tuo modo di prenderti cura di loro: è necessario costruire la fiducia e dimostrarla in diverse interazioni, coprendo un periodo di tempo relativamente lungo.

In secondo luogo, devi essere onesto e diretto con questa persona.

Questo potrebbe facilmente ritorcersi specialmente se non hai stabilito un buon rapporto.

La maggior parte delle persone sono troppo preoccupate per l’eventuale brutta reazione.

È necessario fare l’esatto contrario: fidatevi del rapporto che avete già costruito con questa persona e preparatevi ad essere completamente onesti in quello che state per dire loro.

Anche se si arrabbiano e non vogliono sentire quello che stai dicendo, se credono che ti preoccupi per loro, assorbiranno quello che stai dicendo. Potrebbero aver bisogno di un giorno o due per raffreddarsi, a seconda di quanto “pesante” sia stata la vostra conversazione, quindi preparati.

Perché funziona?

Funziona perché in realtà si dice alla persona che cosa ha bisogno di sentire per fare quello che deve fare.

Il motivo per cui non l’hanno già fatto è perché o non sanno di averne bisogno o perché non sanno di doverlo fare o perché un’altra credenza li trattiene dal fare i cambiamenti necessari.

Il punto cruciale è che se non pensano che non ti preoccupi per loro, allora non assorbiranno mai un messaggio diretto da parte tua.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ti potrebbe interessare anche…

Abitudini miglioraresempre.itIscriviti alla mia lista contatti e ricevi in regalo l’eBook:

“Abitudini – Come ottenere una vita di successo con disciplina e motivazione”. 

Agenda della Produttività

Per approfondire...

Sui miei canali social pubblico pensieri, video, aforismi per chi è appassionato di crescita personale e input motivazionali…se desideri segui MigliorareSempre sul tuo social preferito.

© 2019 miglioraresempre.it – Tutti i diritti sono riservati – P.IVA 04125090235 – R.E.A.: 414208 – PrivacyCookies Policy – Chi sono